Determinare le coordinate geografiche

Dopo aver visto come è possibile determinare le coordinate UTM, mi sembra doveroso completare il discorso parlando delle coordinate geografiche, accennate di sfuggita nel precedente articolo. Del resto può sempre capitare di aver a che fare con una cartina che riporta anche queste informazioni, oltre al reticolato UTM, ed è quindi importante saper ricavare anche questo tipo di coordinate, in vista di una situazione di soccorso o emergenza. 🙂

Le coordinate geografiche sono la latitudine e la longitudine. La latitudine è la distanza angolare di un punto dall’equatore, e assume il suo valore massimo per 90°, in corrispondenza dei poli. Si parla quindi di latitudine Nord o latitudine Sud. La longitudine invece è la distanza angolare dal meridiano di Greenwich, e può essere Ovest o Est, con ampiezza massima di 180°. A differenza delle coordinate UTM, che rappresentano delle distanze e quindi si misurano in metri, queste coordinate sono degli angoli: esistono diversi sistemi di misura per gli angoli, quello più diffuso è il grado sessagesimale. In questo sistema un grado (1°) è diviso in sessanta minuti (60′), e ogni minuto è suddiviso in sessanta secondi (60”).

Nell’utilizzare una cartina per individuare le coordinate geografiche di un punto, occorre prestare attenzione ai segmenti presenti nel riquadro intorno alla carta. Ai diversi vertici della carta saranno presenti le coordinate geografiche corrispondenti, mentre ogni segmento – di solito alternati bianchi e scuri – rappresenta un minuto, considerando ad esempio una cartina in scala 1:25000. Sono questi segmenti che devono essere considerati per individuare le coordinate, mentre andrà ignorato l’eventuale reticolato UTM rappresentato nella carta. 😉

Esempio di cartina

Esempio di cartina

Per spiegare il metodo di calcolo delle coordinate consideriamo, per esempio, il pezzo di mappa riportato a sinistra. Vogliamo individuare latitudine e longitudine di un punto caratteristico, la Grotta di Gutturu Pala, nel territorio di Fluminimaggiore. Per riferimento prendiamo le coordinate del punto da Google Earth, in modo da valutare se il calcolo effettuato sarà corretto. Dal software si trova che il punto ha coordinate: Lat. 39°24’32”N Long. 8°31’03”E.

Si inizia partendo dall’angolo Sud-Ovest della cartina, dove sono riportate le seguenti coordinate: Lat. 39°24’00”N Long. 8°30’00”E. Iniziamo dal calcolo della latitudine. Il punto che vogliamo determinare si trova all’interno di un segmento bianco, quindi significa che alla latitudine presente nell’angolo SO dovrà essere aggiunto un quantitativo di secondi in proporzione alla distanza tra l’inizio del segmento e il punto considerato. Con un righello si misura la distanza del segmento, che è pari a 6,3 cm, questo significa che in 6,3 cm c’è 1′ ovvero 60”. Il punto da determinare si trova a 3,6 cm dall’inizio del segmento, quindi dovrà essere impostata una proporzione: 6,3cm : 60” = 3,6cm : x. Da questo calcolo si ricava quindi il valore di x in secondi, che dovrà essere aggiunto al valore dell’angolo SO. In questo esempio x è pari a 34” (nel calcolo i valori decimali vanno approssimati), quindi la latitudine complessiva è: 39°24’00”+34”=39°24’34”N.

Per il calcolo della longitudine si procede in maniera analoga. In questo esempio il punto ricade dentro un segmento, successivo a un primo segmento completo. Il primo segmento completo, quello bianco, rappresenta 1′, mentre per determinare il valore della distanza dall’inizio dell’altro segmento dovrà essere impostata un’altra proporzione. Il segmento completo misura 4,8cm e rappresenta 60”, mentre il punto dista dall’inizio del segmento 0,6cm. La proporzione da valutare è quindi: 4,8cm : 60” = 0,6cm : x. Sviluppando il calcolo x è pari a 7”. La misura della longitudine è quindi: 8°30’00”+1’+7”=8°31’07”E.

I riferimenti da considerare si possono comprendere meglio dando uno sguardo alle foto. 🙂

Quindi per l’esempio considerato le coordinate sono: Lat. 39°24’34”N Long. 8°31’07”E. Confrontando il risultato con quello preso da Google Earth si nota come si sia ottenuto un risultato molto vicino, a meno delle approssimazioni effettuate. 🙂

Per determinare le coordinate geografiche di un punto si procede quindi secondo il metodo spiegato. Si individuano le coordinate da uno degli angoli della cartina; si considerano gli eventuali segmenti completi, pari a 1′ l’uno; si determinano, tramite le proporzioni, i valori in minuti o secondi corrispondenti alla distanza del punto dal segmento vicino; si sommano tra loro i valori ottenuti per giungere alla coordinata completa. 🙂

Annunci

4 thoughts on “Determinare le coordinate geografiche

  1. Pingback: Cosa portare in un’escursione – Un passo alla volta

  2. Pingback: Terzo compleanno del blog – Un passo alla volta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...