Escursione a Capo Ferrato e Monte Ferru – Sentieri 401 e 402

Cartello di inizio del sentiero 401

Cartello di inizio del sentiero 401

Data: 14/03/2015
Regione e provincia: Sardegna, Cagliari
Località di partenza: Capo Ferrato
Località di arrivo: Capo Ferrato (percorso ad anello)
Tempo: 3 ore e mezza totali
Difficoltà: E (Escursionistico)
Segnaletica: Segnavia bianchi e rossi, Cartelli indicatori
Lunghezza: 10 km
Dislivello: +400 m in salita, circa

Punto di accesso: Da Cagliari prendere la S.S. 554 in direzione Villasimius, e successivamente prendere lo svincolo per la S.S. 125 in direzione Muravera. Continuare a seguire le indicazioni per Muravera, in seguito quelle per Costa Rei e Capo Ferrato, entrando nella S.P. 97. Proseguire lungo la strada seguendo le indicazioni di Capo Ferrato: il punto di inizio del sentiero, indicato da un apposito cartello, si trova qualche centinaio di metri dopo il campeggio Tiliguerta, vicino a una piazzola in cui si può lasciare l’auto.

Descrizione:

Considerando che i sentieri 401 e 402 della zona di Capo Ferrato hanno i punti di inizio e di fine in comune, e che i tempi di percorrenza dei singoli percorsi non sono elevati, si è deciso di unire i due tracciati per formare un unico anello da percorrere interamente. 🙂

Per primo si è affrontato il sentiero 401, un percorso abbastanza semplice (direi difficoltà T, anche se il cartello lo indica come E) che si sviluppa nella zona interna di Capo Ferrato, con tratti lungo la costa. Inizialmente si segue una strada bianca piuttosto ampia, poi, una volta superata una sbarra verde, il sentiero si restringe, pur non diventano mai troppo stretto. La percorrenza è agevole e i panorami sul mare sono piuttosto piacevoli. Peccato che la giornata non fosse completamente soleggiata, quindi i colori non erano al loro meglio… Il sentiero passa a ridosso di Cala Sa Figu, prosegue lungo la costa e poi si immette nella spiaggia di Portu de s’Illixi. Una volta attraversata la spiaggia si risale verso sinistra lungo una parte rocciosa e si ritorna sulla strada bianca, arrivando in poco tempo alla fine del sentiero 401 e all’inizio del 402.

Il primo pezzo del secondo sentiero coincide con una strada carrozzabile, che diventa ben presto anche asfaltata. Dopo circa 800 metri di cammino un segnavia e un cartello indicano l’innesto verso destra del sentiero vero e proprio. Da questo punto si prosegue su un fondo di vegetazione abbastanza ampio in larghezza, fino ad arrivare a una scala in legno che permette di superare una recinzione e cominciare la salita di Monte Ferru, punto di interesse principale del sentiero 402.

Il sentiero si restringe e inizia la salita, che concede fin da subito delle belle visuali verso l’interno. Seguendo l’indicazione di un cartello con scritto “Torre” si prosegue dunque nella salita in una zona in cui è sempre più frequente la presenza di grandi rocce. Si arriva quindi alla vetta di Monte Ferru, a 300 metri slm, con la possibilità di salire alla torre lì presente. La vetta del monte offre un ampio panorama, sia sul lato che dà sul mare sia su quello che dà verso l’interno. È un luogo perfetto per fare una piccola sosta e ammirare la natura. 🙂

Si riprende quindi il sentiero, che comincia presto a discendere. Devo ammettere che la scelta di percorrere il sentiero 402 da nord verso sud è particolarmente azzeccata, perché il tratto in discesa si rivela ripido e caratterizzato dapprima da un fondo terroso che tende a far scivolare e in seguito da una pietraia. Se si dovesse percorrere il sentiero da sud a nord questo tratto sarebbe la salita al monte, e bisognerebbe stare particolarmente attenti a come procedere.

In ogni caso seguendo il sentiero si arriva al termine della discesa, in una strada bianca che va seguita, senza nessuna difficoltà, fino alla fine del percorso, dove è stata inizialmente lasciata l’auto.

Due parole sulla segnaletica presente: i segnavia sono abbastanza grandi e freschi, non c’è proprio il rischio di perdersi. Forse sono un po’ troppo frequenti nel sentiero 401 senza che vi sia un effettivo bisogno, ma nel sentiero 402 li ho trovati invece adeguati. I cartelli, così come sono, risultano piuttosto inutili: non essendovi i dati progressivi di lunghezza e tempo rimanente alla fine del sentiero, non fanno altro che indicare la via riportando ogni volta i dati completi sull’itinerario. Per fare questo sarebbe bastato un semplice segnavia, se viene posto un cartello io mi aspetto che fornisca informazioni ulteriori utili alla percorrenza, ovvero dei dati progressivi che tengano conto di quanto ho già percorso. I cartelli così come sono attualmente sono utili solo nei punti di inizio e fine sentiero, ma non per punti intermedi del percorso.

Link utili per approfondire:
Sentiero 401 su GreenMuravera
Sentiero 402 su GreenMuravera

Ed ecco alcune foto scattate durante l’escursione (per ingrandirle basta cliccarci sopra):

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...