Intervista a Lorenzo Franco Santin

Non so cosa ne pensate voi, ma a me i lunghi percorsi escursionistici affascinano in particolar modo. Sarà l’idea di camminare continuativamente in mezzo alla natura, senza pensare ad altro se non a mettere un passo dopo l’altro. Oggi parliamo proprio di itinerari di ampio respiro, con Lorenzo Franco Santin, fotografo che si è cimentato nei mesi scorsi con il Sentiero Italia, il percorso che attraversa tutto il territorio nazionale, dalla Sardegna alle Alpi.

Foto in concessione da Lorenzo Franco Santin

Foto in concessione da Lorenzo Franco Santin

Ciao, Lorenzo! Come prima domanda ti chiederei di presentarti brevemente, per chi non ti conosce come persona o professionista.

Ciao Gianluca, sono un ragazzo di 27 anni che generalmente è molto curioso riguardo la natura.
Forse da sempre, ma di certo lo sono molto di più da quando ho conosciuto la fotografia, che mi ha portato a conoscere le montagne e luoghi meno noti.

121 giorni lungo il Sentiero Italia, un’impresa non da poco. Come ti senti nel ripensare a quest’avventura?

Dopo aver attraversato Sardegna, Sicilia ed aver cavalcato tutto l’Appennino e metà delle Alpi di certo mi sento molto fortunato. Mi sento ricco di esperienze, che tutto sommato sono semplici, ma forse ormai molto lontane dalla realtà dei nostri giorni.
Sono molto soddisfatto del mio viaggio, ho visto (quasi) tutta l’Italia a piedi, sentendo ogni passo, e vivendo un sacco di emozioni. Sono sempre stato da solo, quindi non avevo grosse distrazioni oltre le mie sensazioni e così ho potuto vivere più intensamente ed a lungo. Continua a leggere

Annunci

Intervista a Corrado Conca

Oggi pubblico un nuovo formato di articolo per questo blog. Si tratta di un’intervista, il cui obiettivo è quello di fornire una panoramica del mondo outdoor sardo e del turismo montano nella mia regione, attraverso le parole di una delle figure professionali di maggior rilievo dell’isola, Corrado Conca. Guida professionista e autore di numerosi libri dedicati alle attività montane, Corrado ha accettato di rispondere ad alcune domande sulla situazione della Sardegna.

Foto in concessione da Corrado Conca

Foto in concessione da Corrado Conca

Ciao, Corrado! Come prima domanda ti chiedo di presentarti brevemente ai lettori, a vantaggio di chi non ti conosce già come persona o come professionista.

Ciao, anche se sono un po’ allergico alle auto-presentazioni posso dire brevemente che mi occupo di escursionismo e ambiente da oltre trent’anni. Sono Guida Escursionistica – attività che svolgo regolarmente e che è la mia principale occupazione – e sono autore di una quindicina di guide di trekking, canyoning e arrampicata.

A livello generale come ti sembra la situazione attuale del turismo montano/outdoor in Sardegna?

Probabilmente io sono molto critico, ma non per partito preso. Sono critico perché da una vita osservo le enormi potenzialità della nostra Isola e vedo che queste non vengono sfruttate se non in minima parte. I numeri dei turisti che vengono per trascorrere le loro vacanze in Sardegna facendo trekking o altre attività outdoor sono interessanti e in crescita, ma ancora del tutto insignificanti se rapportati alle potenzialità che lo stesso mercato offre. Il turismo attivo è una nicchia del PIL turistico regionale, che già di per sé è piuttosto deludente. Eppure viviamo in un paradiso. Continua a leggere