Il GPS e la responsabilità

GPS e cartina

Fonte: Pixabay

Uno dei temi più caldi nel mondo outdoor è di sicuro quello dell’uso del GPS per le escursioni. Utilizzare un dispositivo elettronico, legato alla ricezione di un segnale e all’autonomia delle batterie, per navigare nei boschi, sui sentieri, verso le cime che ci interessano. Questo articolo non vuole assolutamente essere parte dei soliti discorsi che confrontano il GPS con l’utilizzo di bussola e cartina. Io non sono contrario alla tecnologia. Del resto sto scrivendo su un blog, mediante un portatile, e mi sto rivolgendo a voi, che mi state leggendo su computer, tablet, smartphone. La tecnologia è ok, la tecnologia aiuta. Da laureato in ingegneria, sarebbe anche strano se non la pensassi così.
Premetto che io non uso il GPS durante le escursioni, per il semplice motivo che non lo possiedo. Mi è stato suggerito più volte, ma ancora non l’ho acquistato. Ho il BackTrack, ma in fin dei conti è un oggetto piuttosto diverso. Quando si parla di GPS ci si riferisce infatti alla possibilità di seguire tracce già caricate, di salvare innumerevoli punti di interesse, di poter insomma orientarsi all’interno del territorio con un sistema satellitare. Continua a leggere

Gli interessi nell’escursionismo

Osservando il panorama da Punta Su Pardu (Villasalto)

Osservando il panorama da Punta Su Pardu (Villasalto)

Oggi voglio sottoporvi un piccolo sondaggio. La questione è semplice: tutti noi andiamo in montagna perché ci piace, ma cosa ci piace? Quali sono gli aspetti che ci interessano di più dell’escursionismo? Ovviamente è impossibile trovare una persona che pratichi quest’attività per una singola motivazione. Ognuno di noi è interessato sicuramente a più aspetti legati alla montagna e alla natura, ma nel sondaggio vorrei che la risposta riguardasse l’elemento più importante per voi, quello che mettereste in cima in un’ipotetica classifica delle caratteristiche peculiari del vostro modo di intendere l’escursionismo, il trekking e la vita in montagna. Continua a leggere

Nostalgia della montagna

Riflessi sul lago d'Iseo

Riflessi sul lago d’Iseo

Sono passati tre mesi abbondanti dal mio ultimo articolo su questo blog. Quattro, se consideriamo invece l’ultima escursione effettuata. C’è un diretto legame tra l’assenza di aggiornamenti sul blog e l’assenza di escursioni. Quasi tutti gli articoli nascono sui sentieri, sulle vette, nei boschi. Camminare in montagna è il requisito fondamentale non solo per i resoconti delle escursioni stesse, ma anche per le recensioni delle attrezzature e l’esposizione delle tecniche. Senza un contatto con la natura, diventa difficile testare l’equipaggiamento o provare sul campo metodi utili alla vita escursionistica. Negli ultimi mesi, causa tesi di laurea e lontananza da casa, le escursioni si sono bloccate, e con esse il blog.
Tuttavia ci tenevo a riprendere in mano le redini di questo spazio virtuale, a cui sono particolarmente affezionato. Mi ha fatto piacere notare, tramite le statistiche messe a disposizione da WordPress, la costante presenza di visitatori anche durante i mesi privi di nuovi articoli. È un segno evidente del vostro interesse per queste tematiche, uno sprone ad andare avanti nonostante gli impegni e gli ostacoli. 🙂 Continua a leggere

Le croci in vetta

Croce sul Monte Tambura (Alpi Apuane)

Croce sul Monte Tambura (Alpi Apuane)

È un argomento spesso dibattuto quello delle croci sulle vette. Ultimamente è di nuovo sulla bocca di tutti gli appassionati di montagna, complici alcune dichiarazioni recenti di Reinhold Messner, secondo cui, ad esempio, le croci attualmente presenti dovrebbero essere lasciate, mentre non si dovrebbe incoraggiarne l’installazione di nuove. Non mi sembra il caso, quindi, di lasciarmi sfuggire l’occasione per parlarne a mia volta e vedere cosa ne pensano i lettori di questo blog. 🙂

La croce è, di fatto, un simbolo. Rappresenta una religione, quella cristiana, e come tale è presente su diverse montagne in giro per il mondo. Retaggio di un periodo in cui la religione cristiana era effettivamente un punto di riferimento, uno degli aspetti dominanti della cultura e della società. Caratteristica che, inutile girarci intorno, non possiede più, con la diffusione di altre religioni, con la sempre più marcata presenza di atei e agnostici, con il ruolo preponderante del laicismo e delle libertà individuali. Continua a leggere